Withania la pianta per lo stress

POSTED BY Dr Grazioli | Gen, 08, 2018 |

Tutti noi viviamo in mondo pieno di stress e dobbiamo rispondere al meglio per restare al passo con le situazioni. Lo stress a lungo andare si sente e ci logora, facendo comparire diversi disturbi sia fisici che mentali. Se il nostro corpo non riesce ad adattarsi, nascono problemi come l’ansia, la depressione, le infezioni ricorrenti e l’aumento dei radicali liberi. Lo stress si sente nelle cellule che non riescono a svolgere al meglio tutte le oro funzioni interne e alla fine si danneggiano dando le malattie degenerative come i disturbi cardiovascolari, le artrosi e i tumori. C’è bisogno di qualcosa che renda più adatti a sopportare tutto questo. Una risposta viene data dalle piane adattogene, perché rendono più adatto il corpo a sopportare i cambiamenti ambientali e interni causati dallo stress. Una di queste piante è la Withania somnifera.

La Withania è una pianta della famiglia delle Solanacee, la stessa a cui appartengono: pomodori, patate e melanzane. Il suo aspetto è molto simile a quello del pomodoro, con fiori verde-giallo e il frutto a pallina di colore giallo o rosso. Molto usata da millenni nella medicina indiana ed è chiamata anche ginseng indiano, perché aiuta a migliora di stati di affaticamento, stress e stanchezza psicofisica. La parte attiva è la radice che contiene i “witanolidi”, molecole del gruppo dei lattoni.

Studi moderni hanno scoperto che la Withania somnifera è in grado di supportare la capacità di adattamento dell’organismo in risposta ai cambiamenti ambientali e interni. In particolare ha effetti ansiolitici e antidepressivi simili alle sostanze comunemente usate nella medicina moderna, cui deriva il nome “somnifera”, ma non fa venire il sonno e non ha tutti gli effetti collaterali dei farmaci chimici. Non danneggia le cellule, anzi è antiossidante e protettiva delle cellule, sono state trovate anche proprietà antitumorali, infatti dato in mani esperte migliora i risultati della radioterapia e chemioterapia.

Essendo antiossidante riduce i danni cellulari causati dai radicali liberi, proteggendo anche i neuroni cerebrali e aiuta a prevenire le malattie degenerative del sistema nervoso come l’Alzheimer. Ha anche proprietà antinfiammatorie e ci può dare un aiuto per artrite e artrosi, a seconda dei casi può essere il rimedio principale o un complemento che agisce sugli aspetti neurogeni e lo stress correlato con queste malattie croniche e debilitanti.
Aiuta il sistema immunitario che è continuamente sottoposto a sostanze chimiche che potrebbero impedire il suo funzionamento corretto, infatti alcune ricerche hanno visto che migliora l’attività dei globuli bianchi fa in modo di aumentare la fagocitosi, cioè il processo di rimozione delle scorie.
Però la sua caratteristica principale è quella chiamata “adattogena”, la capacità di adattare il corpo allo stress, regolando i segnali nervosi delle cellule cerebrali e bilanciandoli senza deprimerli, ma senza stimolarli in modo eccessivo. Svolge una grande funzione che si traduce in aumento dell’energia e della resistenza agli stressori nervosi e fisici, infatti aiuta anche il metabolismo, aumenta la massa muscolare e migliora la forza e la tolleranza allo sforzo, riduce pure il grasso e l’aumento del peso corporeo.

È capace di ridurre l’ansia, la depressione e migliora l’umore. Infatti una revisione sistematica di 5 studi controllati ha trovato che withania migliora significativamente l’ansia, riduce lo stress generale e gli effetti dello stress sul sistema cardiovascolare, come la pressione sanguigna elevata. Inoltre è in grado di aumentare le capacità mentali e psicomotorie. In uno studio, in doppio cieco di 14 giorni su 20 uomini sani che hanno ricevuto 1000mg di un estratto di radice di withania o un placebo, withania ha portato ad un miglioramento significativo dei seguenti aspetti: attenzione, vigilanza, velocità di risposta, coordinazione viso-motoria e prestazioni psico-motorie.

Le sue virtù non sono finite, riesce anche ad abbassare la glicemia nel sangue in persone con diabete o colesterolo elevato, withania è il rimedio indiano a lungo utilizzato per il diabete nella medicina ayurvedica. La ricerca sull’uso di questa pianta nel trattamento del diabete ha riportato risultati positivi. Inoltre aiutala la fertilità sia maschile che femminile, aumentando il testosterone nel maschio e favorendo la libido e l’eccitazione nella donna.
Certo in fitoterapia si trovano molte piante con variate proprietà, ma poche di questa intensità, quindi approfittiamone specialmente per la sua capacità di aiutare lo stress. Lo fa in modo sicuro e senza effetti collaterali, e modulando la sua capacità alle esigenze della persona. È un vero dono della natura.

TAGS :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *