I gastroprotettori danneggiano la salute, ma esistono dei sostituti naturali

POSTED BY Dr Grazioli | Mag, 10, 2016 |

Tra i farmaci più consumati dagli italiani ci sono gli antiacidi che inibiscono la secrezione di acido nello stomaco comunemente detti gastroprotettori. Tolgono il dolore di stomaco, ma vanno usati per periodi limitati. Se presi in modo cronico creano molti danni.
Questi farmaci usati per lunghi periodi causano: MALATTIE RENALI ACUTE E CRONICHE; OSTEOPOROSI E FRATTURE; CALO DEL MAGNESIO, ANEMIA DA CARENZA DI FERRO, INFEZIONI DA CLOSTRIDIUM DIFFICILE, POLMONITE ED INOLTRE AUMENTANO IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE. Lo conferma uno studio americano pubblicato su JAMA a febbraio che ha messo in evidenza i dati sugli effetti negativi del loro uso per il trattamento della dispepsia a cui l’agenzia italiana del farmaco (AIFA) ha dato spazio. Notizie di questo tipo erano già apparse nel 2010 e adesso vengono confermate e sottolineate.

L’uso va limitato al periodo di 1 o 2 mesi, poi si deve passare ad altri farmaci, ci sono dei prodotti a base di piante molto efficaci capaci proteggere lo stomaco senza dare danni. Per chi usa i gastroprotettori esistono delle possibilità di passare in modo graduale a rimedi naturali come il Mastice di Chio che protegge lo stomaco ed è anche capace di debellare l’Helicobacter. Ci sono poi la liquirizia, la camomilla, la cannella, la malva e l’argilla. Vi spiegheremo in seguito come usarle.

Se volete ecco i riferimenti per leggere lo studio su JAMA: Adam Jacob Schoenfeld, Deborah Grady. Adverse Effects Associated With Proton Pump Inhibitors JAMA Intern Med. 2016;176(2):172-174.

TAGS :