Quando si va in auto, ci son molti rischi, si pensa siano la velocità, la stanchezza, l’imprudenza degli altri e propria. Ma sulle strade esiste un pericolo sottovalutato che ha dimostrato di causare sia l’aritmia cardiaca sia l’arresto cardiaco improvviso o la chiusura di un’arteria coronarica. Mi riferisco agli scarichi dei motori a combustione, specialmente i diesel. È noto ormai da decenni che questi gas di scarico creano coaguli nelle arterie, aritmie e attacchi di cuore. Quello che sconcerta è che il fatto è quasi sconosciuto all’opinione pubblica, si sa che il gas di scarico fa male, ma non si è coscienti della sua azione sul cuore. Dati sulla gravità dei funi di scarico dei diesel sono stati pubblicato già dieci anni fa sulla rivista leader cardiologi americani Circulation (pubblicata dall’American Heart Association)! Vediamo cosa ha scritto e soprattutto vediamo come possiamo difenderci.

La ricerca ha dimostrato che il diesel e il gas di scarico del traffico (prodotti chimici) sono un veleno inevitabile che inibisce la capacità del corpo produrre l’ossido nitrico, bloccando l’enzima ossido nitrico sintetasi endoteliale.
Le cellule endoteliali dei nostri vasi se normali sono in gradi di proteggerci contro l’aterosclerosi e la trombosi. Un importante arma delle cellule endoteliali per combattere la malattia vascolare è la sintetasi endoteliale dell’ossido nitrico (eNOS), un enzima che genera l’ossido nitrico (NO), una importante molecola vasoprotettiva.

Dal diabete, all’ipertensione, al cancro, all’ictus, alla memoria e ai disturbi di apprendimento, all’impotenza maschile, alla tubercolosi, probabilmente non c’è stato patologico in cui l’ossido nitrico non giochi un ruolo importante.
Purtroppo molti non intenzionalmente maltrattano le proprie cellule endoteliali, con il fumo, la dieta scorretta, l’alcol, la sedentarietà, in più ci si mettono anche i gas di scarico e ciò spiega il grande numero di malattie cardio vascolari.
Ma c’è un modo per risolvere il problema dei gas di scarico?
Da una breve revisione degli studi clinici a riguardo, si è visto che l’ARGININA (un amino acido condizionatamente essenziale) aiuta del nostro corpo a produrre ossido di azoto ridotto, che è in grado di dilatare i nostri vasi sanguigni ed inibire i processi della lesione endoteliale. È perciò capace di contribuire a prevenire e riparare i danni cardio vascolari. Inoltre è antistress, immunostimolante e migliora le disfunzioni erettili.

Perciò, quando facciamo lunghi viaggi, sia che si tratti di lavoro o di vacanza, è una buona regola prendere 1000 mg di Arginina al giorno (un integratore che si trova facilmente in farmacia) è utile per prevenire i danni cardiovascolari non solo da gas di scarico.
Così adesso sappiamo come proteggersi da aritmie e attacchi di cuore indotti dai gas del diesel, bisogna ricordare che questi danni possono essere scatenati anche con esposizioni ai gas di scarico molto brevi.
Altre soluzioni per proteggersi sono:
1) Dotarsi di un’auto con un purificatore d’aria all’interno dell’abitacolo, per fortuna lo sono quasi tutte, ma bisogna ricordarsi di inserire sempre il riciclo l’aria evitando di respirare i fumi stradali.
2) Appena potete, andate lontano dal traffico, dove l’aria non è inquinata, lasciate l’auto e muovetevi a piedi o in bicicletta, così respirate aria buona e fate movimento, proteggendo il cuore.
Con un po’ di decisione per vincere pigrizia e abitudinarietà, si può fare molto per ridurre il maggior rischio di problemi cardio vascolari quando viaggiamo.

Bibliografia:
Mills AL, et al, Diesel exhaust pollution causes vascular dysfunction and impaired endogenous fibrinolysis, Circulation, 2005
Peters A, et al, Exposure to traffic and the onset of myocardial infarction, New Engl J Med, 2004
Peretz A, et al, Diesel exhaust inhalation causes acute vasoconstriction in vivo, Environ Health Persp, 2008

POSTED BY Dr Grazioli | Apr, 03, 2017 |

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.